Alberobello
e i suoi santi patroni

Santi Cosma e Damiano

27 settembre

Bookmark and Share


Lo sapevi? Alberobello è una delle 41 località italiane incluse nell'elenco dei siti Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Scopri qui questa cittadina unica e i suoi santi patroni.

Santi Cosma e Damiano

Secondo la tradizione, i santi Cosma e Damiano erano due fratelli, di origine araba, che vissero tra il terzo e il quarto secolo. Erano dottori, e avevano imparato l'arte medica in Siria. Essendo anche cristiani, si dedicavano ad assistere gli ammalati senza chiedere denaro alle persone bisognose. Attraverso questa attività, potevano anche predicare e diffondere la parola del cristianesimo. Il miracolo più famoso fu la sostituzione di una gamba malata di un paziente con un'altra presa da un uomo appena morto.

Questa attività di predicazione infine costò loro vita. Durante la persecuzione dei cristiani ordinata dall'imperatore Diocleziano, Cosma e Damiano furono torturati e decapitati, insieme con altri cristiani.

Il culto di questi due santi si diffuse rapidamente dopo la loro morte, con la costruzione di chiese dedicate a loro a Costantinopoli, in Asia minore, in Bulgaria, in Grecia, a Gerusalemme, quindi a Roma e in tutta Europa. Ispirarono un gran numero di dipinti e altre forme d'arte riguardo alla loro vita.

La festa dei santi patroni

I santi Cosma e Damiano vengono celebrati ogni anno con una festa che dura cinque giorni. Inizialmente, nel diciassettesimo secolo, il conte locale conservava e venerava un quadro dei due santi che, tutti gli anni il 27 settembre, veniva portato in giro per il paese durante la processione religiosa. Nel 1782 venne fatta una statua di San Cosma la quale, mentre entrava in paese, operò il suo primo miracolo: una forte pioggia dopo un lungo periodo di siccità. Due anni più tardi i fedeli fecero la statua di San Damiano e le due statue presero il posto del quadro nella processione.
Acquista le statue di San Cosma e Damiano









Da allora, la cerimonia religiosa si è tenuta ogni anno: messe, una processione il 27 mattina, un'altra processione di gala il 28 sera, con le autorità e i rappresentanti dalle città vicine e incontri con i fedeli venuti dall'estero.

Fra gli avvenimenti non religiosi ci sono diversi concerti con gruppi musicali e uno spettacolo di fuochi artificiali.

Non perderti in questa occasione di visitare questo gioiello d'Italia!

Comune di Alberobello

Stemma di Alberobello
di Araldicacivica.it
Alberobello è un comune della Puglia, in provincia di Bari. Si trova ad un'altitudine di 428 metri sul livello del mare ed ha circa 11.000 abitanti.

È costruita su due colline, quella orientale con gli edifici moderni e quella occidentale con le sue case tipiche, uniche, chiamate
Trulli House Detail, UNESCO World Heritage Site, Terra dei Trulli, Alberobello, Puglia, Italy
Trulli, Sito UNESCO Patrimonio dell'umanità, Terra dei Trulli, Albero bello, Puglia, Italia
Acquista su AllPosters.com

Altri immagini
trulli, che sono inserite nell'elenco mondiale dei siti Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. La caratteristica principale di queste costruzioni è il loro tetto, piramidale o conico. Ci sono trulli anche in altre parti della Puglia, ma ad qui ce n'è la più alta concentrazione, oltre 1400!

Le origini del paese risalgono alla seconda metà del 16° secolo. A quell'epoca, era un piccolo feudo di proprietà della famiglia dei nobili di Acquaviva. I conti consentivano ai contadini di costruire le loro case solo senza malta, cosicché, in caso di ispezione reale, avrebbero facilmente potuto renderle diroccate e farle apparire come rovine. Altrimenti, se fossero apparse come un nuovo centro abitato, i conti sarebbero stati obbligati a pagare una tassa. Alla fine, nel 1797, un gruppo di cittadini, stanchi di dover continuamente costruire e distruggere le loro case, andò a Taranto a chiedere l'aiuto del re. Poco dopo, Re Ferdinando IV concesse l'indipendenza a questo piccolo paese.


Il trullo più grande, un trullo a due piani chiamato Trullo Sovrano, oggi viene utilizzato come museo dove si può conoscere la storia e le tradizioni locali, l'agricoltura, la produzione dell'olio di oliva (lo puoi anche assaggiare!), ammirare l'arredamento di una volta. È come fare un passo nel passato!

Molto vicino al centro della cittadina c'è un bosco composto di diversi tipi di querce, il Bosco Selva, una riserva naturale protetta. (A proposito, il nome Albero bello pare che derivi dal fatto che una volta lì ci fosse una grossa quercia, o un gruppo di alberi).

Qui puoi immergerti nella natura, goderti una passeggiata lungo i sentieri che hanno nomi di piante e animali e ammirare bellissimi fiori come le peonie e le orchidee selvatiche. Molte specie animali vivono nel bosco, dalla volpe al colubro (un piccolo serpente), uccelli come l'upupa e la ghiandaia e in due stagni vivono il tritone e il rospo. Le signorine potrebbero voler provare a baciarne uno, chissà, che non si trasformi in un bellissimo principe!

Buona visita!

Alberghi a Alberobello

Non perderti l'occasione di visitare Alberobello in qualunque momento dell'anno!

Altri importanti avvenimenti ricorrenti

  • Inizio di agosto: Festival internazionale folcloristico
  • Dicembre: Natale fra i Trulli


Cerca nel sito
Google


Per ulteriori informazioni:
Comune di Alberobello
Ufficio Turismo
Piazza del popolo 32
Alberobello BA
tel. +39 080 4321200
posta elettronica: info@ comune.alberobello.ba.it

Visita il sito ufficiale del Comune di Alberobello


Quando contatti questo comune, di' loro che li hai trovati su



www.calendario-di-santi-patroni-e-citta-d-italia.com



Vai da Alberobello e i suoi santi patroni alla regione Puglia

click analytics